Storia Sezionale

Associazione italiana arbitri – Sezione di Como “A. Riella”

LA STORIA


I pionieri del Gruppo Arbitri Como
La prima notizia di un arbitro di calcio a Como venne riportata sull'Annuario Italiano del Football della stagione 1913/1914 curato da Guido Baccani. In esso vi risulta Mario BAZZI, che risultava essere l'unico comasco iscritto nella da poco costituita Associazione Italiana Arbitri, fondata nel 1911. Altre notizie di arbitri di calcio in Como risalgono all'anno 1917. In città in quel periodo aveva preso piede l'attività dell'U.L.I.C. e tra i primi pionieri a livello arbitrale di quegli anni ne facevano parte Gustavo CARRER, Roberto POZZI, Giovanni MARINONI, Olimpio CAGLIO, Luciano SCOTTI ed altri, che gettarono le basi per la futura costituzione del Gruppo Arbitri comensi, che venne intitolato ad un calciatore del Football Como, il tenente Andrea Riella, caduto a 25 anni nell'aprile del 1917 in Valsugana durante la prima guerra mondiale.
Sull'Annuario Italiano del Football della stagione sportiva 1919/20 tra gli arbitri di calcio comaschi vi compare Gustavo CARRER, che proveniva dalle fila del Como F.B.C, e che al momento della costituzione del Gruppo Arbitri di Como sarebbe diventato il loro primo presidente. Nella primavera del 1925 venne pubblicato l'Annuario Generale degli Sports e del Turismo, edito dalla Casa Editrice "Ardisci e Spera" di Milano. Vi vennero pubblicati i nominativi degli arbitri di calcio che erano iscritti all'A.I.A, e risiedevano in provincia di Como e con Mario BAZZI vi comparvero Mario GORLA ed Achille MONTORFANO.

La fondazione ufficiale nel 1928
L'origine e la costituzione del Gruppo Arbitri Comensi è tutt'ora controversa in quanto non è certa la data della loro effettiva fondazione. Sulla Rivista "L'Arbitro" n° 6 del giugno 1947 comparve un articolo che riportava il "ventennale" della costituzione del Gruppo, durante la quale l'alierà presidente Carlo MAURI inaugurò il gagliardetto della Sezione.
Successivamente nel 1958 venne pubblicata una Rivista di venti pagine che ricordava il "trentesimo" della nascita della Sezione, con i festeggiamenti tenuti il 22 giugno a Villa Olmo con un dettagliato programma e delle bellissime fotografie d'epoca. Nel testo compare anche un prezioso elenco con tutti i nominativi degli arbitri, che comprendeva 11 benemeriti, 20 fuori ruolo, 33 effettivi e 7 aspiranti, più tutti gli arbitri dell'alierà "Sottosezione" di Saronno. La nascita del Gruppo pertanto veniva fatta risalire al 1928. Sulla Rivista "L'Arbitro" n° 8 dell'Aprile 1933 nel notiziario "La vita dei Gruppi" venne pubblicato un articolo che riferiva invece che il Gruppo Comense venne fondato nella primavera del 1929.
L'ipotesi più concreta e realistica è da ritenersi quella della nascita del Gruppo avvenuta nel 1928, quando la F.I.G.C. assorbì gli arbitri dell'U.L.I.C. che sostennero in quell'anno degli appositi esami di abilitazione, che vennero svolti in una saletta del "Ristorante Sociale" davanti ad una Commissione di cui facevano parte l'aw. Giovanni Mauro, Riccardo Zoppini, Alberto Crivelli ed Ottorino Barassi. Primo presidente del Gruppo come detto sopra, venne nominato Gustavo CARRER, già iscritto all'A.I.A., che aveva in quel periodo anche l'incarico di presidente del Direttorio provinciale della F.I.G.C., che mantenne fino alla seconda guerra mondiale.
Dal primo Annuario del Calcio della stagione 1927/28 risultavano a Como già due arbitri benemeriti, Mario BAZZI, che abitava in via Bianchi Giovini 1 ed Achille MONTORFANO, via Guanella 18 e tra gli arbitri effettivi comparivano Mario GORLA, via Milano 19 e Paolo VERGANI, via Natta 6. Si ha notizia di un corso arbitri che si svolse a Como il 29 ottobre 1931 nel quale vennero promossi Italo CASALE, Vittorio FATTORINI e Guglielmo BROWN. Nel 1932 vennero nominati consiglieri del Gruppo, sempre condotto da Gustavo CARRER, Giovanni MARINONI, Roberto POZZI e Franco CAVALLERI. Tra gli arbitri benemeriti con Gustavo CARRER c'erano sempre Mario BAZZI ed Achille MONTORFANO, mentre tra gli arbitri effettivi dirigevano in quell'anno Paolo BALLERINI, Carlo BARINI, Leone BERETTA, Olimpio CAGLIO, Pompeo CASATI, Cario MAURI, Ottavio REGAZZONI, Leone RONCHETTI, Erminio RONZONI, Luciano SCOTTI, Paolo SCOTTI ed Angelo TROMBETTA.

Dalla presidenza Carrer a quella di Pompeo Casati, arbitro in serie A
La prima sede degli arbitri a Como si stabilì presso il ristorante Corvetta, uno dei principali ritrovi sportivi cittadini e poi gli arbitri trasferirono la loro sede in via Serafino Balestra 1. Alla presidenza di Gustavo CARRER seguì alla fine del 1933 quella di Pompeo CASATI. Di quell'anno risulta un elenco di associati del Gruppo di cui facevano parte anche Agostino GARBARINO, Emilio BERGNA, Luciano SCOTTI, Giovanni PEVERELLI, Leonida GIAMPAOLA, Osvaldo CAMINADA ed Antonio SALICI.
L'arbitro che in quel periodo si mise in evidenza fu Pompeo CASATI, che da 1932 al 1937 diresse 20 gare in serie A. Si ha notizia di una sessione d'esame di un corso arbitri che si tenne l'11 maggio 1934 e che vide promossi Dante ARCELLASCHI, Pietro SALICI, Ezio Gianni TAGLIASACCHI ed Emilio TETTAMANTI.
Anche Carlo MAURI diresse una gara in serie A nella stagione sportiva 1935/36, mentre si misero in evidenza nell'allora C.I.T.A. prima Franco CAVALLERI ed Emilio BERGNA, poi Pasquale GNOCCHINI seguito da Duilio PORCILE.

Nel dopoguerra la costituzione della Sezione
Dopo la presidenza di Pompeo CASATI seguirono quelle di Ugo ALESINA, di Guido CECCHERINI e di Carlo MAURI, che nel dopoguerra guidò la neocostituita Sezione, la cui nuova sede venne ubicata in via Montana, presso il Bar Bazzi.
Il 30 maggio 1946 si era tenuta una sessione d'esami che vide promossi Eugenio BENZONI, Sergio CAIROLI, Bruno CANU, Cario CARNELLI, Enrico CELMANTI, Oscar DE ANGELIS, Aldo FRATERNELLI, Fiorino GHIRIMOLDI, Giulio MAGGIONI, Orlando MARZORATI, Emilio MOLTENI, Ernesto REZZONICO, Emilio RONCORONI, Emilio SEVERA', Giovanni SPALENZA, Ezio TETTAMANZI e Cario ZECCHI. Il 7 aprile 1947 si tenne un'altra sessione d'esami, che vide promossi Ettore BIANCHI, Olivaro CADINI, Nicola DE ANGELIS, Cario DISCACCIATI, Benedetto GAGLIARDO, Antonio LO PRETE, Pier Mario SALINA ed Enzo VANERIO.
Si mise in evidenza in quegli anni Alessandro COPPA, che dal 1951 al 1957 diresse ben 32 gare in serie A. Nel 1958 esordì in serie A Mario BUTTI, che diresse fino al 1961 quindici gare nella massima categoria. Attorno agli anni sessanta venne nominato nuovo presidente della Sezione Leone BERETTA. A livello arbitrale verso la fine degli anni sessanta operarono alla C.A.I, Attilio ANZANI ed Alessandro ARDEMAGNI
Nel gennaio 1968 era già presidente Luciano METRODORI, al quale nel 1976 venne attribuito il "Premio di Anzianità dell'A.I.A." per aver guidato per oltre un decennio la Sezione. Nel 1978 venne nominato nuovo presidente Antonio SALZANO, poi dopo un breve commissariamento nel 1981 venne nominato presidente Luciano CASARTELLI.

Como protagonista negli anni Ottanta e Novanta
Nel 1982 Luigi FRUSCIANTE venne nominato prima commissario straordinario e poi presidente e guidò la Sezione fino al 1992. Graziano TITA e Adriano SINIBALDI ottennero l’ammissione a partecipare al corso di qualificazione alla funzione di Guardalinee Ufficiale del ruolo C.A.N. D per la s.s. 1989/1990. Al termine della stagione 1992/1993 Graziano TITA venne inserito nell’organico degli assistenti arbitrale della C.A.N. C per poi approdare il 1 luglio 1997 a disposizione della Commissione Arbitri Nazionale.
Successivamente la presidenza passò a Giorgio CALABRESE, al quale successe Stefano POZZI, che nel novembre 2000 venne riconfermato nelle elezioni dirette da parte degli associati.
Negli anni ottanta pervennero alla C.A.N. C prima Luigi FRUSCIANTE e poi Domenico AMBROSIO. Negli anni novanta pervenne alla C.A.N. Salvatore TARALLO, che diresse per alcune stagioni in serie B. Successivamente operarono alla C.A.N. D Giorgio CALABRESE, Claudio LONGARZO e successivamente Alessandro FONTANA.
Venne poi promosso alla C.A.N. C Stefano POZZI.
Nella stagione 2001/2002 Giuseppina PAPALE diviene la prima donna della nostra sezione ad approdare alla Commissione Arbitri Nazionale Dilettanti come assistente arbitrale per il calcio femminile.
Nel luglio 2003 pressanti impegni di lavoro portarono Stefano POZZI a rassegnare le dimissioni da presidente della Sezione, e l'incarico venne attribuito fino al termine della stagione sportiva al vice presidente Antonio PARROTTO.
Nelle elezioni del 2004 la nuova presidenza della sezione di Como passò a Luigi COLOMBO Nella stagione sportiva 2003/2004 operano alla C.A.N. C Luca MARELLI (A.E.) e Alvaro BERARDI (A.A.), mentre alla C.A.N. D operano Emilio OSTINELLI (A.E.), Alessandro BELLI (A.A.), Dario BERBENNI (A.A.), Michele ALVERDI (A.A.).

Gli anni Duemila e l’eccellente stagione 2004/2005
A livello dirigenziale è da ricordare la lunga e preziosa attività di Antonio SALZANO, che ha ricoperto numerosi incarichi sia tecnici che associativi. E' stato infatti vice commissario come Organo Tecnico alla C.A.N. D, nel calcio femminile ed in quello dirigenziale in diverse commissioni, tra cui quella di controllo e coordinamento, del Settore Tecnico e successivamente del Servizio Ispettivo Nazionale dell'A.I.A.
E' infine da ricordare l'esperienza arbitrale vissuta dall'associato Franco TAIANA, che trasferitesi nel 2003 per motivi di lavoro a Sydney in Australia gettò le basi, assieme al suo allora presidente sezionale Stefano POZZI, per l'interessante scambio avvenuto nel 2004 tra cinque arbitri della Sezione di Como, Emilio OSTINELLI, Matteo GARGANIGO, Edoardo QUADRANTI, Alessandro ROMEO e Simone SGHEIZ, che si recarono in Australia a dirigere gare locali, contraccambiati da direttori di gara australiani che vennero a dirigere gare regionali nel nostro Paese.
La stagione 2004/2005 si chiude in modo eccellente a livello arbitrale: sono infatti ben 7 gli associati che fanno un importante salto di categoria: Luca MARELLI viene promosso alla C.A.N. A/B, Michele ALVERDI viene promosso alla C.A.N. C mentre Alberto VILLA, Alessandro PICCO e Salvatore MANZO approdano alla C.A.N. D come assistenti arbitrali. Simone SGHEIZ ed Edoardo QUADRANTI approdano alla Cai.
Inoltre sono stati attribuiti a Antonio SALZANO il premio Renato Pasturenti quale dirigente arbitrale particolarmente distintosi nel corso della stagione sportiva, e a Luca Marelli il premio Riccardo Lattanzi quale Arbitro CAN C particolarmente distintosi nel corso della stagione sportiva. Il 4 dicembre 2005, dopo solo 7 gare dirette in Serie B, Luca Marelli esordisce nella massima serie arbitrando la gara Lazio - Siena.
La stagione 2005/2006 si chiude con un breve periodo di commissariamento in cui la sezione di Como (che tocca quota 300 associati) è guidata da Alberto Zaroli. Matteo GARGANIGO diviene referente informatico per il C.R.A. Lombardia.

Dal 2006 Sinibaldi presidente
Il 17 giugno 2006 viene eletto presidente sezionale Adriano SINIBALDI che al termine della sua prima gestione stagionale, vede Emilio OSTINELLI esordire in C.A.N. Pro, Simone SGHEIZ in C.A.N. D e Gianluca MASPERO approdare come assistente arbitrale in C.A.N. D. Inoltre sono numerosi i passaggi alla categoria degli scambi: Andrea BIANCHI, Massimiliano CAPPELLIN e Alessandro ROMEO.
Al termine della stagione 2008/2009, Adriano SINIBALDI viene confermato alla guida della sezione di Como proseguendo la sua presidenza per il secondo mandato di fila che vede Salvatore MANZO inserito nelle file degli assistenti arbitrali in C.A.N. PRO, Massimiliano CAPPELLIN approdare in C.A.N. D e Giuseppe PARENTE entrare nell’organico C.A.N.  5. Il 1° luglio 2009 Michele ALVERDI viene selezionato come componente della commissione del comitato regionale lombardo sotto la guida di Alberto ZAROLI: ricoprirà questo ruolo per ben quattro stagioni sportive.

I comaschi sempre più in alto
Sempre al termine della stagione 2009/2010, Emilio OSTINELLI passa alla C.A.N. B dopo aver diretto il delicatissimo Play off di ritorno di Lega Pro tra Pescara e Verona. Nello stesso anno, il 22 agosto Emilio calca per la prima volta il palcoscenico della serie B nella gara Modena - Piacenza.
Andrea BIANCHI impugna la bandierina e viene immesso nell’organico di C.A.N. D. Simone SGHEIZ e Gianluca MASPERO il 29 agosto 2010 esordiscono insieme come assistenti nella gara di seconda divisione di Lega Pro Renate - Rodengo Saiano, giocata a Monza. Matteo GARGANIGO dal 1 luglio viene immesso nell’organico della Can D anch’egli come assistente arbitrale.

L’esordio di Ostinelli in serie A e le ultime stagioni
Il 6 marzo 2011 è una data che il presidente Adriano SINIBALDI e tutta la sezione lariana ricorderanno a lungo: allo stadio Renato Dall’Ara, Emilio OSTINELLI fa la sua prima apparizione nella massima serie del calcio Italiano nella gara Bologna - Cagliari.

Purtroppo nel febbraio 2012 viene a mancare prematuramente Domenico Ambrosio, osservatore in Lega Pro molto caro all’associazione, al quale tutta la Sezione dedicherà un premio annuale alla memoria.

Nel giugno 2012  Adriano SINIBALDI viene riconfermato per la terza volta nel ruolo di presidente di sezione.
Il 13 febbraio 2013 Giuseppe Parente viene scelto come cronometrista nell’Amichevole Italia - Portogallo.
Alla fine della stagione sportiva 2012/2013, OSTINELLI ha diretto cinque gare in serie A e 55 in serie B e Giuseppe Parente conta 9 presenze in serie A2.


Il 1 luglio 2013 Filippo BERNASCONI viene immesso in C.A.N. D come assistente arbitrale, mentre Elena TAMBINI ed Andrea COLOMBO passano alla Commissione Arbitri Interregionale. Elena è la prima donna comasca, come arbitro effettivo, in categoria nazionale. Dopo numerosi anni, la sezione di Como riporta un osservatore arbitrale tra le file regionali grazie alla promozione di FRANCESCO GALDINI come osservatore al CRA Lombardia.