AL CASTELLO DI CASIGLIO

Cento presenze alla VII Cena di Natale:
un successo la festa degli arbitri lariani

Un appuntamento ormai storico con la presenza di autorevoli ospiti regionali e nazionali e con le premiazioni per la stagione 2015/2016


di Andrea Colombo

E’ un appuntamento ormai storico per la Sezione Aia di Como e ogni anno si conferma l’evento associativo di punta nella stagione sportiva comasca, per numero di partecipanti e per l’affetto dimostrato dai numerosi ospiti che tornano ogni anno sapendo di trovare un clima di festa e di amicizia.
L’elegante Castello di Casiglio, a Erba, ha ospitato lo scorso 20 dicembre la  VII cena degli arbitri lariani. Cento persone hanno riempito la sala principale dell’hotel ristorante addobbata a festa, per una serata magica arricchita dalla musica soul del cantante Max.

Presenti, oltre a tutto il consiglio direttivo, anche gli autorevoli ospiti affezionati ormai a questo momento conviviale: Francesco Bianchi, osservatore Uefa, il componente nazionale Alberto Zaroli, il vicecommissario del Comitato Arbitri Interregionale, Paolo Consonni, il presidente del Comitato Arbitri Lombardia Alessandro Pizzi con il componente Cra Gregorio Dall’Aglio, i presidenti delle sezioni più vicine, ossia Re di Gallarate e Brasi di Seregno, l’amico e titolare di Geppo Sport, Veber.
“Benvenuti ad una altra grande festa di Natale organizzata dagli arbitri di Como – è stato l’esordio del neopresidente sezionale, Matteo Garganigo -: per me è la prima da presidente e sono fiero di guidare questo gruppo che, anche in questa occasione, ha dimostrato di saper fare le cose in grande”. La parola è poi passata allo storico presentatore di questo evento associativo, Mattia Caldera, che con spumeggiante ironia ha saputo tessere le fila del programma serale.
“Sono qui per l’ennesima volta e sono fiero di constatare che gli arbitri che ho cresciuto dalla prima categoria siano ancora in campo e con buoni risultati a livello nazionale – ha affermato Alberto Zaroli -; è una fortuna per tutti i più giovani vedere l’esempio di coloro che, svolgendo ancora l’attività tecnica, si impegnano a favore della crescita associativa. Continuate così”. Zaroli ha quindi aperto il ciclo di premiazioni per la stagione 2015/2016 che ha scandito tutta la serata:

Premio alla memoria di “Guglielmo Cordone”
Per l’Arbitro, maggiormente distintosi a disposizione O.T.P. : Federica Fasana
Premio alla memoria di “Orfeo Conti"
Per l’assistente maggiormente distintosi a disposizione O.T.R. : Fabio Torri


Premio alla memoria di “Piermario Danielli”
Per l’arbitro maggiormente distintosi a disposizione O.T.N. : Mattia Caldera

Premio alla memoria di “Domenico Ambrosio”
All’ osservatore arbitrale maggiormente distintosi : Claudio Citterio

Premio FUTSAL alla memoria di “Mario Casartelli”
All’arbitro maggiormente distintosi: Silvia Volonterio.
 
Tra i vari interventi, è stato Francesco Bianchi a ricordare come questa sezione testimoni in concreto il progetto di cui lui stesso è rappresentante per l’Italia dal nome Talent&Mentor: “Quattro arbitri comaschi hanno vissuto in prima persona un progetto che, dopo essere nato in Lombardia in via sperimentale, sta avendo successo in altri paesi Uefa. Siate orgogliosi del ruolo che avete nel mondo arbitrale e gustatevi ogni momento del vostro cammino arbitrale", ha concluso.
La serata è poi proseguita con l’augurio del presidente Pizzi di continuare sulla strada tracciata dai colleghi che ci hanno preceduto, consapevoli di essere molto fortunati nel vivere uno sport particolare, che consente una formazione umana, oltre che professionale.
La consegna del fischietto e del taccuino ai neoammessi in associazione da parte dei responsabili del corso arbitri, Alessandro Di Graci e Stefano Raineri, ha preceduto il brindisi finale accompagnato da un buonissimo panettone e dalle parole del presidente Garganigo: “A nome di tutto il consiglio voglio augurarvi buone feste, nella speranza che tutti voi riusciate a vivere in famiglia questi giorni così importanti e – ha concluso Matteo -: un grazie a tutti gli arbitri che hanno portato a termine la prima parte di stagione con professionalità ed entusiasmo”.