LA VISITA CRA ALLA SEZIONE DI COMO

Pizzi: “Siate pronti a lavorare duro perché avrete la vostra occasione”

È stata una serata ricca di contenuti e di spunti di riflessione, senza dimenticare quella carica agonistica che da sempre contraddistingue le lezioni tecniche di Alessandro Pizzi, presidente del Cra Lombardia.
La riunione tecnica di lunedì 19 ottobre è iniziata con una importante presa di posizione di Pizzi sulla violenza contro i direttori di gara dopo che il presidente della Sezione di Como, Adriano Sinibaldi, ha raccontato alla platea l’ultimo spiacevole episodio accaduto ad un nostro collega: “Quando mi indicano questa regione come la più virtuosa di Italia per il più basso numeri di incidenti non esulto - ha esordito Pizzi -, ma anzi rimango amareggiato perché il nostro obiettivo è la totale eliminazione di questi fatti su ogni campo regionale”. 
Dopo essersi dimostrato sensibile a questo tema, anche dal punto di vista delle sanzioni che devono riguardare le società stesse, Alessandro è passato ad illustrare la sua squadra, evidenziando i “nuovi acquisti”, tra cui rientra orgogliosamente il nostro Gianluca Maspero nel ruolo di assistente alla segreteria tecnica. Grazie al supporto tecnologico di Matteo Garganigo (altro associato che offre la sua professionalità al comitato regionale), Alessandro ha ripercorso in un video le tappe di preparazione che hanno preceduto l’inizio dei campionati: “Siete protagonisti di un momento storico di questa associazione in cui dai giovanissimi all’eccellenza avete la possibilità di vivere i momenti di didattica come i raduni della Serie A. E solo chi capisce l’importanza del vivere la propria sezione - ha continuato Pizzi - potrà ricevere da questa tanti stimoli e consigli e donare poi ai colleghi più giovani la propria esperienza: è questo scambio di vedute la parte più pura dell’essere un arbitro di calcio”. Esperienza che è stata raccontata e trasmessa infatti da numerosi ospiti nazionali che Alessandro ci illustra grazie alle immagini riassuntive dei raduni estivi. 

La lezione tecnica ha poi preso il via dell’insegnamento arbitrale tramite i video di partite arbitrate dai nostri colleghi: “Il lavoro in aula deve concentrarsi sulla visione di partite per mentalizzare il più elevato numero di azioni di gioco - ci ricorda -: solo così possiamo farci trovare preparati davanti ad azioni inaspettate. La “distribuzione di messaggi” deve poi essere un pensiero fisso nell’attività arbitrale - specifica il presidente regionale -, perché dobbiamo ricordarci che in campo siamo comunicatori di decisioni ed il nostro obiettivo è quello di essere credibili agli occhi di chi ci osserva”. Le immagini scorrono, i giovani ragazzi in prima fila si dimostrano partecipativi e l’attenzione di tutti i novanta colleghi presenti in aula rimane alta per le due ore di lezione. “Evitiamoci problemi evitabili”, “Non pensiamo che una azione sia finita fino a quando non è realmente terminata” e “Non mollate fino alla fine perché c’è sempre una seconda possibilità” sono tre dei tanti messaggi tecnici e motivazionali comunicati da Pizzi nell’analisi dei video proposti ed un applauso dei colleghi comaschi raccoglie l’in bocca al lupo del presidente Pizzi. 
Un grazie ad Alessandro per aver trasmesso la giusta carica per affrontare un campionato ancora lungo.