SANT'AGATA FELTRIA ACCOGLIE GLI ARBITRI COMASCHI

Primo giorno di raduno tra allenamento e quiz tecnici

Di buon mattino quaranta colleghi comaschi si sono ritrovati puntuali nello storico ritrovo di piazza Atleti Azzurri d’Italia e con l’entusiasmo che da sempre precede questo importante appuntamento stagionale è partito il pullman capitanato da Sergio.
La trasferta corre veloce, tra aggiornamenti in amicizia, canti e il classico ripasso del regolamento per tranquillizzare gli animi più tesi.
Il brutto tempo viene lasciato alle spalle e con esso anche la frenesia cittadina: il cielo spalanca la sua luce bianca tra le nuvole in lontananza ed ecco spuntare in cima la collina Sant’Agata Feltria
La fame si fa sentire e alle 12:30 siamo tutti a tavola per gustarci l’ottimo menù del Falcon Hotel, accompagnato dal sorriso di Omar e del suo staff accogliente.


Non si perde un minuto e la puntualità è entrata nel dna degli associati comaschi: “Apriamo ufficialmente la stagione 2015-2016 - ha esordito il presidente Adriano Sinibaldi durante il primo incontro fissato nell’attrezzatissima sala riunioni - e sono contento di vedervi così entusiasti e numerosi. Mi ricordo chi si è affacciato per la prima volta a questi appuntamenti con timore - ha proseguito - ed oggi è qui in prima fila al suo terzo raduno: da qui si costruisce il vostro futuro umano ed arbitrale”.

Hanno poi preso parola i veterani del gruppo: l’osservatore regionale Claudio Longarzo, che ha evidenziato i punti forti e quelli da migliorare riscontrati nella passata stagione; Giovanni Romeo, osservatore arbitrale e da sempre attaccato alla “maglia sezionale”, che ha ricordato come un arbitro debba continuamente cercare di migliorare il proprio carisma, la classe e la personalità in campo e per un aggiornamento sui calendario e l’inizio del campionato è intervenuto Rinaldo Arnaboldi, designatore del Settore Giovanile e Scolastico.


Andrea Colombo e Mattia Caldera, i colleghi nazionali che hanno fortemente voluto esser presenti a questo raduno pre campionato, hanno poi evidenziato l’importanza della tre giorni di preparazione e gli obiettivi da raggiungere: “Coloro che hanno precedentemente raggiunto i risultati che tutti voi oggi aspirate - ha raccontato Andrea - sono passati da questi appuntamenti: divertitevi e sfruttate ogni occasione di crescita ” .
L’analisi è poi passata a Mattia che ha evidenziato tutte le occasioni che questo raduno produrrà: “Siete protagonisti di una preparazione curata nei minimi dettagli - ha spiegato -, siamo sicuri che offrirete il massimo nei quiz e nella parte atletica: non deludeteci!”.

Alle 16:30 il perfetto terreno di gioco della Santagatese si trasforma in un polo di allenamento per arbitri che come una vera squadra seguono gli esercizi con quell’ardore che caratterizza chi vuole puntare sul proprio potenziale per vederlo trasformato in realtà.
Il riscaldamento ed esercizi di coordinazione aprono una seduta atletica che resterà nella memoria di tutti per l’aria di montagna che ha fatto da sfondo ad un raro spirito associativo. Il percorso tecnico studiato appositamente per gli arbitri ha riempito poi l’ora successiva.

Dopo un confronto tra i colleghi nazionali e i partecipanti sul metodo di lavoro messo in pratica, ampio spazio è stato dedicato alle principali difficoltà emerse in casi di simulazione, condotta gravemente sleale e nel comminare sanzioni disciplinari.
Una cena emiliana e i quiz serali hanno chiuso la prima giornata di raduno precampionato. Domani mattina è previsto lo Yoyo Recovery Test: diamo il massimo!
Andrea Colombo