TORNEI SEZIONALI ESTIVI

Cari colleghi,
come ogni anno la sezione di Como si è iscritta con la squadra di calcetto per i Torneri estivi, che saranno nelle seguenti occasioni:
 - Torneo sezione di Verona Mercoledì 25 aprile a 7;
-  Torneo sezione di Busto Arsizio Domenica 10 giugno a 5;
-  Torneo sezione di Seregno (campioni in carica) sabato 23 giugno a 11;
Risultati immagini per torneo delle sezioni aia como
-   Polenta Cup torneo della sezione di Sondrio domenica 1 luglio a 5, che si giocherà a Chiavenna

La partecipazione ai tornei è aperta a tutti, inoltre se qualcuno volesse condividere l'esperienza da spettatore e volesse tifare per la nostra squadra è ben accetto!

Per qualsiasi informazioni e per sapere di spostamenti e orari potete contattare il responsabile della squadra, Stefano Della Pietra al: +39 333 356 8556

PASSAGGI DI CATEGORIA

Nelle seguenti partite i colleghi hanno ottenuto il passaggio di categoria:

DA GIOVANISSIMI AD ALLIEVI

Torrente Mirko 
Giovanile Canzese - Aso alzate Brianza

Faraj Amal 
Binaghese -Pontelambrese

DA ALLIEVI A JUNIORES

Tasso Michele 
Ardor Lazzate - Colverde

LA COMPAGNIA DELL'AIA COMO: TREKKING 16 e 17 GIUGNO

La sezione di Como per quest’anno ha deciso di provare a coinvolgere i suoi associati in un’esperienza unica che solo il nostro territorio è in grado di offrire. Per valorizzare il nostro aspetto atletico e condividere due giorni insieme si è deciso , il 16 e 17 giugno, di percorrere la dorsale del Triangolo Lariano, famoso trekking che si svolge da Como/Brunate a Bellagio.
Il percorso richiede un discreto allenamento poiché prevede un itinerario di circa 30/35 chilometri con un dislivello di 1400 metri da percorrere interamente a piedi salvo i brevi tratti di collegamento dalla sezione AIA a Brunate.
L’unico nostro scopo è quello di divertirsi, stare all’aria aperta e condividere un’esperienza, il trekking, che consente a più persone di considerarsi amici ancor prima di colleghi.
La giornata di sabato 16 prevede un ritrovo mattutino (presto) presso la nostra sezione e, utilizzando il bus di linea, si raggiungerà la partenza della funicolare per Brunate.
Giunti sul panoramico Comune che tutte le altre sezioni d’Italia ci invidiano, proseguiremo a piedi per il sentiero n. 1 “Dorsale del Triangolo Lariano”.
Immagine correlata
Il percorso non prevede alcuna difficoltà se non un discreto allenamento per percorrere i 18/20 km che ci separeranno dalla sosta notturna che potrà essere presso un rifugio o in tenda. Durante questa prima giornata è previsto il pranzo al sacco e la cena in rifugio. Si presume che il tempo effettivo di camminata sia all’incirca di 7/8h.
Il giorno successivo, domenica, inizierà la lunga discesa che ci porterà sulle rive di Bellagio, località presso cui prenderemo il battello per fare rientro a Como. La tappa prevede un cammino di circa 12/15km da compiersi in 5/6h

Per adesioni contattate Edoardo al 3341659950 entro il 06/04/2018 !

FISCHIETTI ROSA


“Fissare gli obiettivi è il primo passo per trasformare l’impossibile nel possibile”

di Gloria Serra

Martedì 27 marzo 2018 si è tenuta la prima riunione femminile nella Sezione AIA di Como, presieduta da Vanessa Leo, durante la quale 14 ragazze hanno aderito con entusiasmo.
Nell’introduzione, il nostro presidente Matteo Garganigo ha preso parola dicendo: “Essere arbitri significa correre da soli in campo, ma avere una grande squadra che ci fa forza fuori” e dopo un applauso generale, Vanessa, ha iniziato la riunione spiegando l’importanza del fare gruppo soprattutto tra ragazze, in quanto trovandoci in un mondo maschile l'obiettivo è quello di prendere i punti di debolezza e trasformarli in punti di forza.
La nostra riunione si apre ufficialmente parlando dell’alimentazione e dell’allenamento adeguato per dare sempre il massimo , Vanessa, inoltre, ha dato moltissimi consigli e trucchi per migliorare le prestazioni dentro e fuori dal campo: "iniziate a preparare la partita dal momento in cui vi arriva la designazione:studiate le squadre,confrontatevi,allenatevi e sarete più sicure di voi stesse una volta arrivate al campo".


La riunione è proseguita parlando del comportamento in campo di un arbitro, dalla presentazione ai dirigenti quando si arriva al campo, al referto di gara al termine della partita, passando dai richiami per i giocatori e per la panchina.
Infine i vari video sui falli e sui fuorigioco hanno aiutato Vanessa, affiancata per quest'ultima tematica da Valentina Rubini, a coinvolgere ulteriormente tutte le ragazze presenti, ascoltando anche i loro punti di vista e confrontandosi sulle difficoltà incontrate nei campi di gioco.
La serata si è conclusa nei migliori dei modi, augurando a tutti una buona Pasqua con pizza e dolci.

MICHELE ALVERDI NOMINATO ARBITRO BENEMERITO

Risultati immagini per michele alverdi aia comoMichele Alverdi,  arbitro dal 1991
 e successivamente assistente alla CAN PRO dal 2005 al 2009, ha poi avuto un ruolo tecnico come componente CRA dal 2009 al 2013, quando ha cominciato a ricoprire incarichi sezionali come Organo Tecnico e per alcuni anni Vicepresidente,
è quest'anno stato nominato Arbitro Benemerito.

A Michele le congratulazioni del Presidente Garganigo, di tutto il Consiglio Direttivo e degli associati della sezione di Como.

PASSAGGI DI CATEGORIA

I seguenti colleghi hanno ottenuto il passaggio di categoria nelle seguenti gare:

Da  Giovanissimi a Allievi

Ademi Klaudjo:
Albavilla-Fenegrò

Da  Allievi a Juniores

Candela Fabian:
Lentate - Arcellasco


Magrin Marco:
Gerenzanese-Colverde

Da Juniores a Terza Categoria

Rigiretti Davide 
Inverigo -Monnet Xenia

Da  Terza Categoria a Seconda Categoria

Bongarzone Gabriele:
Inverigo - Porlezzese

Fumagalli Matteo 
Cacciatori delle Alpi - Sagnino



L’INCONTRO IN SEZIONE “RISPETTA LE REGOLE: VINCI LA VITA!”


Polizia Locale, una figura che come noi rispetta e fa rispettare le regole che salvano ... la vita!


Grande partecipazione ed entusiasmo nell’incontro tra gli arbitri lariani e la Polizia locale di Como. Il Comandante Donatello Ghezzo: “Un onore essere davanti a tanti giovani responsabili e modello per i propri coetanei, ma abbiamo bisogno di voi per diffondere i temi di legalità e prevenzione sulla strada”. Il presidente Garganigo: “Finalmente siamo riusciti ad organizzare un confronto con chi ci aiuta a rispettare regole che possono salvarci la vita”

di Andrea Colombo


“Essere arbitri dentro e fuori dal campo” è una espressione che sentiamo ripetersi da quando varchiamo per la prima volta le mura della sezione di Como ed oggi, dopo la

riunione tecnica fortemente voluta dal presidente Matteo Garganigo e tenuta dal Comandante della Polizia Locale di Como, Donatello Ghezzo, e dai Commissari Anna Greco e Davide Gaspa, siamo tutti più consapevoli del senso intrinseco delle regole. “È per noi un onore poter presenziare in questa sede e davanti a tanti giovani arbitri – ha esordito il Comandante Ghezzo – perché nella nostra attività di divulgazione e prevenzione sulla sicurezza stradale è raro poter colloquiare con ragazzi che svolgono già un ruolo che è di esempio per i propri coetanei. 
Siate quindi voi stessi i primi portatori dei valori che questa sera approfondiremo e riportateli a chi pensa che il tema della guida non sia un argomento serio”. La parola è quindi passata ai Commissari Greco e Gaspa che con molta disinvoltura ed empatia sono riusciti a coinvolgere i giovani arbitri su temi delicati e seri: “Come nella preparazione di una partita di calcio, ogni informazione ci rende più forti e consapevoli che il mancato rispetto di procedure e segnali di allarme porta a sbagliare – spiega Anna Greco – e se in campionato possiamo incorrere in valutazioni negative da parte dell’osservatore arbitrale, in strada possiamo incontrare la morte”. 

Solo nel 2016 in Italia ci sono stati 3.283 morti (-20% rispetto al 2010), 249.175 feriti (-18%) e 175.791 incidenti (-17%): dati che dimostrano come la prevenzione e la repressione con misure sempre più restrittive siano state efficaci, ma sono ancora troppi i morti sulle nostre strade ed il costo sociale che lo Stato paga è pari al 2% del PIL, come le risorse destinate all’istruzione. “I giovani hanno il sacrosanto diritto di divertirsi – ha aggiunto il Commissario Greco, responsabile anche dell’infortunistica stradale che a Como copre il 99% della rilevazione degli incidenti – ma vi siete mai domandati in quale modo e cosa significa davvero ricercare la felicità?”. 
È nato così un dibattito molto interessante tra i volti giovani e i relatori, dal quale sono emerse pratiche non sicure alla guida e che possono comportare gravi danni alla nostra salute, al nostro portafoglio e soprattutto alla nostra psiche e ai sentimenti che rischiano di essere profondamente scossi per tutto il resto della vita. E così riecheggiano con forza le parole pronunciate in passato da Marcello Lippi “rispetta le regole: vinci la vita!” ed anche quelle espresse dall’attuale designatore della Cai ed ex arbitro di Serie A, Andrea Gervasoni, proprio in occasione di una riunione tecnica a Como: “Siate arbitri di calcio ed un momento di distrazione vi rovina la prestazione: siate quindi sempre vigili e pronti a decidere”. E le similitudini con un vigile della polizia locale emergono quindi chiaramente: “Anche noi in servizio prendiamo decisioni in pochi istanti, osserviamo le situazioni a 360°, agiamo in contesti ostili e dobbiamo gestire situazioni conflittuali – ha aggiunto Greco -, siamo indispensabili, ma come voi impopolari ed è per questo che dobbiamo sfruttare la divulgazione e la sensibilizzazione delle regole del codice della strada”. 
Uno dei momenti più toccanti della serata è stato il ricordo del nostro collega Luca Colosimo, recentemente scomparso proprio mentre tornava a casa dopo una partita di calcio: “Il colpo di sonno è uno degli elementi che più incidono nella mortalità in strada e per questo motivo la soluzione è solo una: dormire!”, ci spiega il commissario Gaspa che ci ha intrattenuto su aneddoti molto utili e sui temi della maleducazione alla guida di un veicolo, che, oltre ad essere sempre più in aumento, provoca spesso danni che non sono immaginabili quando siamo a mente lucida. “Non scendete mai dalla macchina e se c’è la possibilità di evitare inutili discussioni, andate altrove perché un litigio non giustifica mai inutili e dannose conseguenze alla vostra sfera personale”. Durante la serata i colleghi hanno anche avuto la possibilità di approfondire i temi delle principali cause di incidente stradale, degli effetti dell’abuso di alcool e dell’uso di stupefacenti alla guida, la differenza tra ritiro, sospensione e revoca della patente e le conseguenze amministrative, civili e penali delle infrazioni rilevate alla guida di un veicolo insieme alle caratteristiche della fattispecie dell’omicidio stradale.
 Il Commissario Gaspa, alla fine dell’incontro, ha interessato tutti i presenti con la proiezione di due cortometraggi che hanno colpito nel segno le emozioni dei presenti sull’utilità della cintura di sicurezza e l’inutilità della rabbia alla guida e l’incontro si è concluso con un aspetto pratico ed esperienziale: i colleghi infatti ha avuto il piacere di svolgere un percorso con ostacoli a mente lucida e subito dopo con l’alterazione della vista grazie ad una particolare maschera simulatrice. 

Una serata diversa dalle riunioni in cui si approfondiscono tematiche puramente tecniche, ma che è stata fondamentale per aggiungere un altro tassello di conoscenza e consapevolezza nel nostro percorso di uomini, di cittadini ed anche di arbitri di calcio perché la gestione di una partita porta con sé trasferimenti in macchina e quindi il rispetto delle regole della strada ... e della nostra vita! “Ringrazio vivamente la Polizia locale di Como, il Comandante Ghezzo e i colleghi Greco e Gaspa per aver investito il proprio tempo con gli arbitri di Como – ha concluso il presidente Garganigo –: solo tramite la conoscenza è possibile diventare padroni delle proprie scelte e quindi scegliamo di vivere, rispettando le regole”.