19 FISCHIETTI LARIANI PRESENTI


Un raduno di metà stagione per ripartire alla grande

di Andrea Colombo



Ben diciannove fischietti lariani hanno risposto positivamente all’invito del Presidente Matteo Garganigo per il raduno di metà stagione della Sezione Aia di Como. Tanti i temi trattati in un fitto programma che ha visto impegnati i colleghi su più fronti: tecnici, atletici e comportamentali.
Il fischio di inizio si è sentito alle ore 9 in punto con l’inizio del riscaldamento sul campo in sintetico gentilmente concesso dall’Albate Calcio. Agli ordini di Gianluca Maspero si sono effettuati così i test atletici, grazie ai quali si è misurato il grado di allenamento di ogni singolo partecipante al raduno.
“Sono contento della vostra preparazione – ha detto Matteo Garganigo introducendo i quiz tecnici -, ma non è finita qui: vogliamo testare anche la vostra conoscenza del regolamento, elemento fondamentale di questa attività sportiva”. Si sono registrate buone risposte anche dai test regolamentari e così l’ansia agonistica si è sciolta in un pranzo amichevole al ristorante La Giara degli amici Marcella e Carmelo. Una volta rientrati in aula, i ragazzi hanno potuto ascoltare le disposizioni tecniche e comportamentali da parte del presidente per poi visionare il primo tempo di una gara di un collega appartenente al progetto “Junior&Talent” e quindi discutere insieme dopo i lavori di gruppo.
Alle ore 18, dopo un fruttuoso dibattito tra i colleghi e i relatori presenti, i colleghi appartenenti all’organico di seconda categoria hanno potuto affrontare i colloqui individuali per conoscere gli aspetti da migliorare nella seconda parte di stagione. “Un grande in bocca al lupo a tutti voi – ha concluso il presidente Garganigo -: vi auguro di godervi ogni istante di questa avventura e di mettercela tutta per raggiungere i vostri obiettivi”.

AL CASTELLO DI CASIGLIO

Cento presenze alla VII Cena di Natale:
un successo la festa degli arbitri lariani

Un appuntamento ormai storico con la presenza di autorevoli ospiti regionali e nazionali e con le premiazioni per la stagione 2015/2016


di Andrea Colombo

E’ un appuntamento ormai storico per la Sezione Aia di Como e ogni anno si conferma l’evento associativo di punta nella stagione sportiva comasca, per numero di partecipanti e per l’affetto dimostrato dai numerosi ospiti che tornano ogni anno sapendo di trovare un clima di festa e di amicizia.
L’elegante Castello di Casiglio, a Erba, ha ospitato lo scorso 20 dicembre la  VII cena degli arbitri lariani. Cento persone hanno riempito la sala principale dell’hotel ristorante addobbata a festa, per una serata magica arricchita dalla musica soul del cantante Max.

Presenti, oltre a tutto il consiglio direttivo, anche gli autorevoli ospiti affezionati ormai a questo momento conviviale: Francesco Bianchi, osservatore Uefa, il componente nazionale Alberto Zaroli, il vicecommissario del Comitato Arbitri Interregionale, Paolo Consonni, il presidente del Comitato Arbitri Lombardia Alessandro Pizzi con il componente Cra Gregorio Dall’Aglio, i presidenti delle sezioni più vicine, ossia Re di Gallarate e Brasi di Seregno, l’amico e titolare di Geppo Sport, Veber.
“Benvenuti ad una altra grande festa di Natale organizzata dagli arbitri di Como – è stato l’esordio del neopresidente sezionale, Matteo Garganigo -: per me è la prima da presidente e sono fiero di guidare questo gruppo che, anche in questa occasione, ha dimostrato di saper fare le cose in grande”. La parola è poi passata allo storico presentatore di questo evento associativo, Mattia Caldera, che con spumeggiante ironia ha saputo tessere le fila del programma serale.
“Sono qui per l’ennesima volta e sono fiero di constatare che gli arbitri che ho cresciuto dalla prima categoria siano ancora in campo e con buoni risultati a livello nazionale – ha affermato Alberto Zaroli -; è una fortuna per tutti i più giovani vedere l’esempio di coloro che, svolgendo ancora l’attività tecnica, si impegnano a favore della crescita associativa. Continuate così”. Zaroli ha quindi aperto il ciclo di premiazioni per la stagione 2015/2016 che ha scandito tutta la serata:

Premio alla memoria di “Guglielmo Cordone”
Per l’Arbitro, maggiormente distintosi a disposizione O.T.P. : Federica Fasana
Premio alla memoria di “Orfeo Conti"
Per l’assistente maggiormente distintosi a disposizione O.T.R. : Fabio Torri


Premio alla memoria di “Piermario Danielli”
Per l’arbitro maggiormente distintosi a disposizione O.T.N. : Mattia Caldera

Premio alla memoria di “Domenico Ambrosio”
All’ osservatore arbitrale maggiormente distintosi : Claudio Citterio

Premio FUTSAL alla memoria di “Mario Casartelli”
All’arbitro maggiormente distintosi: Silvia Volonterio.
 
Tra i vari interventi, è stato Francesco Bianchi a ricordare come questa sezione testimoni in concreto il progetto di cui lui stesso è rappresentante per l’Italia dal nome Talent&Mentor: “Quattro arbitri comaschi hanno vissuto in prima persona un progetto che, dopo essere nato in Lombardia in via sperimentale, sta avendo successo in altri paesi Uefa. Siate orgogliosi del ruolo che avete nel mondo arbitrale e gustatevi ogni momento del vostro cammino arbitrale", ha concluso.
La serata è poi proseguita con l’augurio del presidente Pizzi di continuare sulla strada tracciata dai colleghi che ci hanno preceduto, consapevoli di essere molto fortunati nel vivere uno sport particolare, che consente una formazione umana, oltre che professionale.
La consegna del fischietto e del taccuino ai neoammessi in associazione da parte dei responsabili del corso arbitri, Alessandro Di Graci e Stefano Raineri, ha preceduto il brindisi finale accompagnato da un buonissimo panettone e dalle parole del presidente Garganigo: “A nome di tutto il consiglio voglio augurarvi buone feste, nella speranza che tutti voi riusciate a vivere in famiglia questi giorni così importanti e – ha concluso Matteo -: un grazie a tutti gli arbitri che hanno portato a termine la prima parte di stagione con professionalità ed entusiasmo”.

17 E 18 DICEMBRE

A COCCAGLIO IN SCENA IL RADUNO JUNIOR TALENT:
TANTA TECNICA IN AULA PER IMPARARE DAGLI ERRORI

di Simone Calligher e Mattia Sommaruga

Il secondo appuntamento del progetto Junior Talent, un’esperienza fantastica ed organizzata dal Cra Lombardia in collaborazione con le sezioni AIA di tutta la Lombardia, ha avuto luogo nell’elegante cornice dell’Hotel Touring di Coccaglio, luogo che ospita anche i raduni di Can A. Ospiti più di quaranta arbitri ed i Mentor del progetto che, dopo essersi ritrovati nella hall dell’albergo alle 9.30 precise di sabato, hanno subito dato il via ai test atletici. 

Dopo l’attento e minuzioso riscaldamento con il Mentor Galloni sono partite le prime batterie per affrontare i 40 metri per poi partire nello Yo-Yo, che i due colleghi comaschi hanno brillantemente superato. Dopo una doccia rigenerante ed il pranzo è stata proiettata una carrellata di video riguardanti partite dei presenti in aula. Dopo averli visionati attentamente e commentati insieme ai Mentor, nel tardo pomeriggio ci ha raggiunto anche il Presidente regionale Pizzi per un saluto e alcuni consigli davvero utili. Dopo cena ci siamo riuniti a guardare Juventus – Roma diretta dal collega Daniele Orsato e dopo il big-match ognuno si è diretto a dormine, stanco ma felice, in camera. Domenica mattina, dopo la colazione delle 8.00 tutti erano pronti per l’allenamento sul campo alle 9.30 in punto.




 Il terreno ghiacciato e la temperatura intorno allo 0° hanno contribuito a tenere alto il ritmo degli esercizi per mantenersi caldi. Dopo la seduta di allenamento e prima di pranzare abbiamo affrontato i quiz tecnici (brillantemente superati anche questi dai colleghi comaschi). Dopo pranzo ed una breve pausa (che abbiamo sfruttato per vedere il primo tempo di Sassuolo-Inter), si riprende con il lavoro in aula.


Nel pomeriggio è arrivato anche il Vice-Presidente regionale Viola, che si è unito ai Mentor nei consigli in merito agli episodi visionati nei filmati. Prima di chiudere il raduno c’è il tempo per la premiazione del nostro collega Mattia Sommaruga per essere stato il migliore nei quiz tecnici.
Il raduno si conclude con gli auguri di Natale da parte del Vice-Presidente Viola e dei Mentor Dall’Aglio, Galloni, Passarotti e  Varriale. Il prossimo appuntamento sarà il raduno con gli arbitri di Prima Categoria ad inizio febbraio. Sono state due giornate impegnative, ma altamente formative, suddivise tra test atletici, allenamenti sul terreno di gioco e lavoro tattico in aula, dove non sono mancati i momenti di divertimento. Torniamo a casa molto soddisfatti e convinti che questa esperienza ci aiuterà a migliorare ancora..

UN BENVENUTO AI NUOVI COLLEGHI!

Dopo due mesi  intensi 7 nuovi ragazzi sono giunti alla meta.  Il collega Alessandro Di Graci, a capo delle lezioni del corso arbitri, dice "sono tutti giovani e promettenti, hanno dimostrato interesse e voglia di intraprendere questa avventura, per cui non ci resta che aspettare con impazienza l'esordio previsto per gennaio."


Un grazie particolare a Stefano Raineri, braccio destro di Alessandro, ai colleghi che hanno partecipato o presenziato alle lezioni ed infine alla commissione d'esame composta dal nostro presidente Matteo Garganigo, dall'organo tecnico Gianluca Maspero e da Renato Maffia, osservatore della sezione di Sondrio.
Torrente Mirko, Romano Gabriele, Serra Gloria, Ceneri Denis, Bianchi Luigino, Cannavacciuolo Alfonso, Giannì Emanuele, sono i neo-immessi che questa sera avremo modo di accogliere durante la cena di Natale presso il Castello di Casiglio, nel frattempo auguriamo a tutti loro un grosso in bocca al lupo!

FOCUS SUL REFERTO DI GARA

Edoardo Piazza: “Siate consapevoli dell’importanza del vostro ruolo
anche dopo la fine dei 90 minuti”

di Andrea Colombo

Nella serata di lunedì 5 dicembre la sezione di Como ha avuto il piacere di ospitare Edoardo Piazza della sezione AIA di Saranno, rappresentante AIA presso il Giudice Sportivo regionale, per un approfondimento sulla corretta compilazione del referto di gara e una spiegazione della macchina organizzativa che ruota attorno alle nostre direzioni arbitrali e le conseguenti sanzioni disciplinari.
“Siate consapevoli che i vostri referti di gara sono documenti ufficiali che hanno un significato importante - ci ha spiegato Edoardo, dopo l’introduzione dei lavori da parte del presidente sezionale Matteo Garganigo -: il giudice sportivo deve attenersi a quanto da voi scritto e le sanzioni saranno diretta conseguenza di quanto da voi specificato ed ogni vostra omissione o aggiunta rispetto alla realtà non sono in linea con la grande responsabilità che tutti vi riconoscono”.
Edoardo Piazza ha quindi invitato la platea a riflettere sul fatto che la nostra partita non finisce al 90esimo, ma prosegue fino a quando il referto è stato inoltrato ed arrivato sulla scrivania del giudice sportivo: “Vi chiediamo precisione, fedeltà ai fatti accaduti e tempismo nell’espletare l’ultimo atto di una partita di calcio, ossia l’attestazione di ciò che è accaduto”.
Il discorso si è poi spostato sull’importanza del confronto con i nostri dirigenti: “Siamo qui a disposizione dei colleghi che hanno gestito situazioni complicate in campo e devono trasportare quanto verificatosi nero su bianco - ha aggiunto Edoardo -: prima di approcciarvi alla redazione del referto confrontatevi con il presidente o con il rappresentante Aia presso il giudice sportivo per decidere le modalità formali e le corrette espressioni per rappresentare al meglio i fatti al giudice che sarà più facilitato a compire il proprio lavoro”.

Edoardo è riuscito a “rapire” la platea dei giovani arbitri grazie ad una chiarezza espositiva rara e ai numerosi aneddoti colorati che hanno concretizzato quanto esposto.
Al termine della riunione sono tanti i consigli che ci porteremo dietro soprattutto quando, terminata la redazione del referto di gara, rileggeremo quanto abbiamo scritto con occhi nuovi e più attenti, ricordando che dopo l’invio è pronta una macchina organizzativa che sarà più efficiente in relazione alla completezza di questi documenti ufficiali e quindi ... non ci resta che ringraziare Edoardo!

LA CENA DI NATALE SI AVVICINA!

Cari colleghi,
la data della nostra cena di natale si avvicina!

Ti ricordo infatti che ci troveremo per festeggiare insieme il Santo Natale e la fine dell’anno
MARTEDI’ 20 dicembre Ore 20 nella splendida location del Castello di Casiglio.

Sarà l’occasione per scambiarci gli auguri e attribuire i premi per coloro che si sono maggiormente distinti durante la passata stagione sportiva.

Di seguito ti riporto il menù della serata:


Aperitivo del Castello
Tagliere di salumi
Focaccia genovese
Fritturine (olive ascolane, panzerotti, alette di pollo fritte, alette fritte con salsa BBQ, pollo panato con salsa bernese)
Cocktail di Gamberi
Croissant del nostro forno (di pesce, verdure e formaggio)
Polentine (polenta con brasato, con luganiga e con gorgonzola)
***
Primo piatto
Risotto Rosmarino e taleggio
Pennette alle verdurine
***
Secondo piatto
Guancetta di Manzo glassata
Verdure di stagione
***
Dolce
Mousse al cioccolato con salsa vaniglia
***
Caffè


Le iscrizioni alla cena di Natale sezionale sono chiuse.

Vi aspettiamo numerosi!

Il presidente
Matteo Garganigo






FINALE DI COPPA ITALIA CALCIO A 5


Carissimi colleghi,

ho il piacere di annunciarvi che il nostro collega Matteo Balbiani è stato designato, Giovedi 08/12/2016, per dirigere la Finale di Coppa Italia C1 di Calcio a 5!

La gara si disputerà a Seregno alle ore 17:00 presso il "Palasport Palaporada" e le due squadre che si contenderanno il titolo sono Videoton Crema C5 e Calcio a 5 Laveno.

Un grosso in bocca al lupo a Matteo da tutta la sezione di Como!!