AL DELFINO BLU LA TRADIZIONALE CENA “CAMPO CONI”

Il neopresidente Garganigo: “Vorrei che questo appunatamento rimanesse un evento annuale di puro associazionismo”




É stata una serata divertente quella trascorsa in compagnia dei fedeli colleghi che per tutta la stagione sportiva appena conclusasi hanno frequentato con spirito di sacrificio e con impegno gli allenamenti proposti ogni settimana dal referente atletico Mattia Caldera. É stato il primo incontro ufficioso con i colleghi comaschi da parte del neoeletto presidente Matteo Garganigo e tanta è stata la gioia nel premiare coloro che si sono maggiormente distinti durante gli allenamenti al campo Coni. “Vorrei che questo appuntamento stagionale, inaugurato sotto la presidenza di Adriano Sinibaldi, continuasse anche nei prossimi anni – ha esordito il presidente Garganigo – perchè è in queste occasioni che emerge il vero spirito associativo che ci tiene tutti legati a questa associazione”. Dopo l’ottima pizza del ristorante Il Delfino Blu si è proceduto alle premiazioni che riassumiamo qui di seguito con due bei collage dei momenti salienti. Il prossimo appuntamento associativo è il raduno pre campionato che anche quest’anno si terrà a Sant’Agata Feltria dal 5 all’8 agosto. I sessanta posti sono in esaurimento e quindi ti invitiamo a consegnare la caparra al presidente Garganigo entro il 30 giugno.
I premiati:
-Valentina Rubini, per tornare in pista più forte di prima
-Cristiano Annoni, per non mollare !
-Edoardo Bertin, per un in bocca al lupo per una stagione importante alla porte
-Mattia Sommaruga, per la trasformazione di “mentalità” avvenuta in questa stagione
-Deborah Venturini, per l’impegno e la disponibilità dimostrata
-Elisa Enis, per essere sempre presente agli eventi associativi

-Alessandro Clerici, per essere il decano arbitrale più in forma!

L’EROIOCO GESTO DI SAID BENREDOUAN

Quando salvare una vita vale più di mille partite

di Andrea Bianchi

Il bello o il brutto di questo paese è che potrebbe anche scoppiare la terza guerra mondiale, ma il lunedì sui giornali leggeremmo sempre e comunque di calcio, di rigori dati o non dati, di polemiche, lamentele, talvolta purtroppo violenze. E allora, rivivere la bella storia di Said, credo faccia bene a tutti. A noi suoi colleghi, alle società, al mondo del pallone in generale.
Chi è Said? Per chi, tra gli arbitri lariani, non lo conoscesse, Said Benredouan, 36 anni, comasco, è arbitro dal 2004 e milita nei campionati provinciali. Serio e professionale come molti di noi, tra il lavoro e la passione per l'arbitraggio si dedica al volontariato nella Croce Rossa Italiana. Il destino ha voluto che ci fosse proprio lui, in un pomeriggio dello scorso inverno, a dirigere la gara sul campo da calcio in cui un ragazzo ha perso i sensi e si è accasciato al suolo. Nessuno potrà mai dire se la manovra che Said gli ha praticato sia stata vitale, di certo è stata decisiva, tanto che il calciatore ha ripreso i sensi e si sono scongiurate gravi conseguenze. 
Questo gesto, per cui Said aveva già ricevuto gli elogi dei suoi amici e colleghi comaschi, non è passato inosservato ai rappresentanti del calcio provinciale e regionale, che, in occasione dell'incontro di fine stagione con le società, svoltosi il 16 giugno scorso al Don Guanella di Como, hanno voluto tributargli una targa. Tra gli applausi dei partecipanti e alla presenza, tra gli altri, del presidente del comitato provinciale LND Finelli e del comitato regionale LND Baretti, il componente del Consiglio Regionale della LND, Tavecchio, ha consegnato il riconoscimento al nostro associato sottolineando come, in un mondo dove troppo spesso gli arbitri vengono sopraffatti da violenze, sia bello e sollevante raccontare una storia così a lieto fine. Anche il nostro presidente Garganigo, intervenuto a sottolineare come sia indispensabile la collaborazione tra le varie componenti locali del mondo del calcio, e ringraziando i presenti per il significativo invito, ha ribadito la gratitudine nei confronti del nostro collega.

Questa storia ci fa capire quanto, spesso, da calciatori esasperiamo una vittoria o una sconfitta; da arbitri esasperiamo una visionatura dell’osservatore andata bene o andata male. Ma un atto di altruismo, in fondo, non vale molto di più?

A Monza i colleghi di mister Bianchi partono molto bene, ma si perdono. La squadra ora attende il riscatto a Seregno e Lodi.

di Samuele Paredi
La seconda uscita stagionale ci vede impegnati sui campi di Vedano al Lambro nel torneo organizzato dalla Sezione di Monza. Oltre ai confermatissimi Sebastiano, Della Pietra, Paredi, Sgheiz, Piatti e Borghini, a disposizione di Mister Bianchi scendono in campo Bongarzone, Accurso, Monti, Vora, Di Gaetano e Carletti. La prima sfida contro Varese viene decisa da un tiro da Paredi, che finalizza una bella azione corale. Il risultato non cambia fino al triplice fischio e cominciamo la giornata nel migliore dei modi. Contro Milano soffriamo per buona parte dell'incontro, ma manteniamo inviolata la porta e nel finale è ancora Paredi a siglare il gol decisivo per il secondo 1-0 consecutivo. La terza partita ci vede sfidare i colleghi di Treviglio, ed è subito Borghini ad indirizzare l'incontro a nostro favore. Monti replica poco dopo, mentre Treviglio accorcia le distanze grazie ad una sfortunata autorete. Ci pensano però Sgheiz e Piatti a fissare il 4-1 finale con due contropiedi da manuale. Partiamo forte anche con Seregno grazie al gol di Accurso, ma gli avversari ribaltano la situazione con tre gol in pochi minuti. Il 2-3 di Paredi arriva troppo in ritardo per cercare la rimonta. Nell'ultima partita del girone contro Pavia è Di Gaetano a portarci avanti grazie ad un tap-in vincente, mentre Monti sigla il 2-1 finale dopo che gli avversari ci avevano raggiunti sul pareggio. Al termine della prima fase siamo quindi in testa al girone con 12 punti, un risultato già oltre le aspettative che premia un gruppo molto unito e in cui nessuno fa mancare il proprio apporto. Tuttavia la stanchezza si fa sentire nei Quarti di Finale del pomeriggio quando, dopo il quarto gol giornaliero di Paredi, la Sezione di Sesto San Giovanni ci coglie due volte impreparati e con un secco 2-1 ci preclude l'accesso alle semifinali per i primi posti. Nella gara successiva Milano si prende la sua rivincita sconfiggendoci per 1-0, ma riusciamo comunque a portare a casa un buon settimo posto grazie al 2-1 su Varese, firmato Bongarzone e Della Pietra. I nostri ragazzi avranno quindi tempo per ricaricare le pile nel prossimo weekend in attesa del doppio impegno di Sabato 25 a Seregno e Domenica 26 a Lodi, dove dovremo confermare il successo dello scorso anno.

Al tradizionale Torneo di Busto Arsizio, un amaro undicesimo posto, ma il morale rimane alto per i prossimi tornei.

09 Giugno 2016
di Samuele Paredi
La Sezione di Como con la sua selezionata squadra di sedici colleghi, ha tarscorso Domenica 5 giugno una full immersion sui campi da Futsal di Villa Cortese per il tradizionale torneo organizzato dalla Sezione di Busto Arsizio.Agli ordini di mister Bianchi, a sua volta protagonista sul terreno di gioco con la consueta numero 11 sulle spalle, e con una numerosa schiera di sostenitori guidata dagli spalti dal neopresidente comasco, Matteo Garganigo, scendono in campo Sebastiano, De Vitis, Della Pietra, Balbiani, Sgheiz, Paredi, Borghini, Puzzonia, Dell'Oca, Vivace, Bellasio e Piatti.
Il torneo inizia nel migliore dei modi per la squadra comasca, in completo biancorosso. Nella gara d'esordio contro Seregno si sblocca il risultato dopo una manciata di secondi grazie a Puzzonia che ruba palla e infila il portiere avversario all'angolino. Passano pochi minuti e Vivace raddoppia, controllando una verticalizzazione di Della Pietra e appoggiando a porta vuota dopo aver eluso l'intervento dell'estremo difensore avversario. Dopo una fase centrale di controllo, nel finale è Dell'Oca a ristabilire prontamente le distanze dopo che i colleghi di Seregno avevano accorciato sul 2-1. Risultato finale: 3 a 1 per la squadra di Bianchi.
La seconda partita del girone, contro Biella, è invece molto più tattica e viene sbloccata solo nel finale da un movimento da puro pivot di De Vitis, che si spinge in attacco, riceve palla da Borghini spalle alla porta e con una bella torsione scarica un potente destro all'incrocio. Le efficaci parate di Sebastiano nel finale certificano l'importante vittoria.
Anche la terza partita contro Milano sembra mettersi subito in discesa quando Paredi ruba palla a centrocampo e dal limite piazza il pallone dove il portiere meneghino non può arrivare. Purtroppo però un errore difensivo dovuto alla troppa fretta favorisce il pareggio e lo spettro di una possibile eliminazione crea preoccupazione e nervosismo nella nostra squadra che paga la mancanza di tranquillità subendo il gol del 2-1. L'assedio finale alla porta avversaria non porta risultati e il punteggio non cambia. Non ci resta che sperare in un'impresa dei colleghi di Seregno, che invece, senza più ambizioni, subiscono un pesante 6-1 da Biella.
La classifica finale ci vede a quota 6 punti insieme a Milano e Biella, con Seregno a 0, ma per il secondo anno consecutivo è ancora una differenza reti inferiore a condannarci, negandoci l'accesso ai quarti. Il rammarico è ancora maggiore quando scopriamo che negli altri gironi bastavano 4 o 5 punti per passare il turno.
Il torneo però non finisce e nel pomeriggio scendiamo nuovamente in campo per le posizioni di rincalzo dopo la pausa pranzo. Proprio quest'ultima influisce parecchio sulle prestazioni dei Lariani che contro Lodi scendono in campo con l'atteggiamento sbagliato e subiscono la maggior voglia dei colleghi lodigiani, che ci sconfiggono destinandoci alla finale per l'11/12 posto.
Contro Chiari abbiamo finalmente un sussulto d'orgoglio e mettiamo al sicuro sin da subito il risultato grazie a Dell'Oca, che si libera di un paio di avversari e fa partire un destro che il portiere bresciano non riesce a trattenere, e Sgheiz, che sfrutta al meglio l'assist di Piatti. La doppietta di Balbiani, a cavallo del momentaneo 3-1, mette in ghiaccio la partita: particolarmente bello il secondo goal siglato con un sinistro velenoso scagliato quasi dalla riga di fondo che inganna l'estremo difensore avversario. Nel finale Bianchi, schieratosi in difesa, dà un'interpretazione cestistica alla regola dei 5 falli sfruttandoli tutti in prima persona, ma mantiene la porta difesa da Bellasio al sicuro da ulteriori pericoli, dando così modo a Vivace di rendersi ancora protagonista in attacco con la rete del 5-1. Proprio all'ultimo secondo è Capitan Della Pietra a concludere al meglio la giornata sfruttando l'ennesimo assist di Piatti e stabilendo il 6-1 finale.
La sezione riesce comunque a portare un associato in finale grazie a Maurizio Franco che dirige ottimamente l'ultimo atto tra Collegno e Torino, nel quale i primi vendicano la sconfitta dello scorso anno con un netto e meritato 3-0. Il podio, interamente piemontese, viene completato dai colleghi di Nichelino, vincenti nella finalina su Varese.

É quindi tempo per premiazioni e saluti, ma la stagione della squadra sezionale è appena cominciata e continuerà domenica 12 con un altro torneo: a Monza proveremo a toglierci il retrogusto amaro di un undicesimo posto che non rende onore alle nostre effettive potenzialità, che ci avrebbero potuto portare ben più in alto.

CENA CAMPO CONI 2016

Terminata la stagione è tempo di bilanci... 
Ci troveremo, come da tradizione, al ristorante Delfino Blu (www.delfino-blu.com), di via Provinciale per Lecco al numero 739 a Lipomo, venerdì 17 giugno alle ore 20. Vi aspettiamo puntuali per trascorrere una serata di puro associazionismo e brindare al nuovo presidente Matteo e festeggiare i dieci anni di mandato di Adriano. Sarà anche l’occasione per consegnare i classici premi “Campo Coni” a chi durante l’anno ha dimostrato impegno e costanza al polo di allenamento. Per info e prenotazioni potete contattare Deborah Venturini al numero 3483339856
entro martedì 14 giugno. Di seguito vi anticipiamo i due menù (da 15 e 18 euro) che potrete scegliere la sera stessa. Ci vediamo venerdì!

PROPOSTA 1 (EURO 15)
STUZZICHERIE FRITTE DI BENVENUTO
PIZZA CLASSICA A SCELTA tra quelle proposte
UNA BIBITA O UNA BIRRA MEDIA
ACQUA MINERALE
CAFFE’, LIMONCELLO E LIQUIRIZA DELLA COSTIERA AMALFITANA

PROPOSTA 2 (EURO 18.00) 
STUZZICHERIE FRITTE DI BENVENUTO
PIZZA CLASSICA A SCELTA tra quelle proposte
UNA BIBITA O UNA BIRRA MEDIA
ACQUA MINERALE
DOLCE A SCELTA

CAFFE’, LIMONCELLO E LIQUIRIZA DELLA COSTIERA AMALFITANA

CAMBIO AL VERTICE DELLA SEZIONE DI COMO

Matteo Garganigo è il nuovo presidente: “È un onore assumere questo ruolo che rivestirò con responsabilità”



Dopo dieci stagioni sportive Adriano Sinibaldi cede il testimone all’unico candidato che si è proposto come successore durante la assemblea ordinaria del 27 maggio scorso. “Sono stati dieci anni indimenticabili - ha esordito Adriano nel discorso conclusivo -: ho vissuto questo lungo mandato al fianco della mia squadra con impegno e sacrificio, avendo come obiettivo il bene di ogni arbitro della Sezione di Como”. Sono queste le parole più toccanti di un momento storico: il passaggio di consegna al giovane Matteo Garganigo, arbitro dal 1998 con cinque stagioni in eccellenza come arbitro effettivo e tre anni appartenente alla CanD in qualità di assistente arbitrale. Tra i ruoli associativi di spicco, emerge l’autorevole veste di referente informatico regionale dal 2009 ad oggi. “Sono emozionato ed anche soddisfatto di poter parlare questa sera davanti a tutti voi - ha esordito Matteo con evidente emozione -. Sono consapevole che questo ruolo comporterà scelte importanti e responsabilità: sono pronto ad essere il presidente della sezione di Como in continuità con quanto fatto egregiamente da Adriano e, con il consiglio che si formerà, voglio portare elementi nuovi affinché si possa potenziare quanto di buono è stato fino ad oggi coltivato”. Tra i revisori vengono eletti i giovani colleghi Jacopo Farina e Samuele Paredi ed Emilio Ostinelli è eletto in qualità di delegato sezionale. “Erediti una sezione dai numeri importanti - afferma Emilio, rivolgendosi al candidato poi eletto - e che è orgogliosa di essere portata sui campi di tutti Italia da arbitri di assoluto valore e la crescita di tutto l'organico ha ampi margini di miglioramento. La condivisione è importante e solo con una squadra affiatata sarà possibile raggiungere risultati importanti”. Un riconoscimento è stato poi donato durante la serata ad Adriano Sinibaldi: una lastra in cristallo, con una incisione affettuosa e sincera da parte di tutto il consiglio, con la scritta che recita “Al nostro Presidente, Adriano Sinibaldi, per questi indimenticabili dieci anni di Associazione Italiana Arbitri vissuti con passione e sempre in prima linea per i suoi arbitri. Adriano, sei stato guida nei momenti difficili ed hai condiviso con tutti noi fantastici momenti di arbitraggio in campo e fuori. Porteremo per sempre con noi i tuoi insegnamenti. Grazie!” L’attesa delle due ore canoniche è conclusa e Matteo Garganigo è il nuovo presidente della sezione di Como. In bocca al lupo, presidente!

SONO APERTE LE ISCRIZIONI DEL RADUNO PRE CAMPIONATO

A Sant’Agata Feltria per prepararci al meglio: la nuova stagione è alle porte!


Per il secondo anno consecutivo, la Sezione di Como ha scelto di inserire la preparazione dei suoi arbitri ed assistenti nella fantastica località di Sant’Agata Feltria in Emilia Romagna.

Saremo ospiti di Omar al Falcon Hotel*** (www.falconhotel.it) in cui l’estate scorsa abbiamo trascorso una quattro giorni di studio, allenamento e analisi delle nuove direttive arbitrali. Da quest’anno l’Hotel è fornito anche di una bellissima piscina in cui rinfrescarsi dopo i duri allenamenti.. In considerazione dell’ottima accoglienza ed organizzazione vissuti nel 2015, il neopresidente Matteo Garganigo, in accordo con Adriano Sinibaldi, ha deciso di tornare con entusiasmo tra le colline romagnole.

Inoltre, per permettere agli arbitri nazionali e regionali di poter partecipare all’evento associativo, il raduno pre-campionato della sezione di Como è stato posticipato ai primi di settembre: dal 5 all’8 sarà il periodo esatto in cui si scenderà in campo per misurare la propria preparazione atletica e tecnica anche in compagnia di un ospite nazionale di grandissimo spessore.

Anche quest’anno non potremo sforare i sessanta posti e per questo motivo vi invitiamo da subito ad iscrivervi con il deposito della caparra (pari a 100 euro) e i rimanenti 40 euro potranno essere pagati alla partenza.

Le iscrizioni chiuderanno tassativamente il 30 giugno.

Le informazioni riguardanti il materiale utile per il raduno saranno comunicate in seguito, ma vi ricordiamo che per i colleghi di minore età è necessario compilare il modulo di responsabilità che dovrà essere consegnato insieme alla caparra al presidente Garganigo.

Nella speranza tu riesca a prendere parte a questa importantissima iniziativa di crescita umana ed arbitrale, ti saluto cordialmente...e mi raccomando, allenati questa estate seguendo gli allenamenti proposti dal nostro referente atletico Mattia Caldera!

Per ulteriori informazioni puoi contattare il responsabile dell’attività ricreativa, Andrea Colombo (338/7527801).

Il presidente

Matteo Garganigo